Il classico zombie di George A. Romero Alba dei morti è infatti disponibile in tre diversi tagli, ognuno con i propri pregi e difetti. Romero ha ovviamente inventato il genere zombie come lo conosciamo oggi attraverso il capolavoro del 1968 La notte dei morti viventi. Mentre un problema di copyright ha inviato accidentalmente quel film direttamente al pubblico dominio, per fortuna ciò non è accaduto quando è arrivato il momento per Romero di continuare quello che sarebbe diventato il suo franchise di apocalisse zombie un decennio dopo.

Mentre La notte dei morti viventi, L’alba dei morti viventi, e Giorno della morte tutti hanno argomenti da sostenere che sono il miglior sforzo di zombi di Romero, la maggior parte dei fan probabilmente farebbe un cenno del capo a Alba, che potrebbe essere solo l’ultimo esempio di un film di zombi fatto bene. Con personaggi fantastici, effetti di sangue sbalorditivi, una posizione fantastica in un centro commerciale e il solito commento sociale azzeccato di Romero, Alba dei morti è un film che regge ancora bene oltre 40 anni dopo, e anche se alcuni elementi sono naturalmente diventati datati, la maggior parte trova il film di Romero Alba dei morti superiore al remake del 2004 di Zack Snyder.

Tutti i fan dell’horror di una certa età hanno probabilmente abbastanza familiarità con Alba dei morti. Ciò che alcuni potrebbero non realizzare, tuttavia, è che l’opera di zombi di Romero è disponibile per la visione non in una, non in due, ma in tre diverse versioni. Ecco uno sguardo a queste diverse varianti.

Spiegazione dei 3 diversi tagli di Dawn of the Dead

La versione di Alba dei morti la maggior parte dei fan ha probabilmente familiarità con il taglio teatrale standard di 127 minuti. Questa è la versione che è stata rilasciata più spesso in home video ed è a tutti gli effetti la versione “predefinita”. Tutti i più iconici Alba dei morti i momenti sono presenti e rappresentati, e la partitura è un mix di musica composta dal gruppo italiano Goblin e brani della libreria scelti da Romero. Quelli che si divertono davvero Alba dei morti’Il cast ha potuto vederli arricchire i loro personaggi nel taglio esteso, che dura 139 minuti. In particolare, la colonna sonora di questa versione è quasi interamente musica da libreria e omette il lavoro di Goblin.

È anche importante notare, tuttavia, che il taglio esteso di 139 minuti NON è il taglio del regista di Romero. Il taglio esteso è stato effettivamente modificato in quello che è diventato il taglio teatrale, e il taglio di 127 minuti è la versione preferita di Romero di Alba dei morti. A rendere le cose più complicate è l’esistenza del montaggio europeo di 119 minuti, che è stato montato insieme dall’icona horror italiana Dario Argento, che ha prodotto il film. Questo taglio è più veloce e rimuove alcune scene piene di dialoghi e parti comiche, scegliendo invece di amplificare i fattori horror e d’azione, con una colonna sonora che è quasi interamente di Goblin. Tutte e tre le versioni sono ora prontamente disponibili sul Alba dei morti Edizione Blu-ray come extra per i fan per formarsi le proprie opinioni sui vari tagli e sui loro meriti individuali. Per concludere, però, c’è tecnicamente un quarto taglio che combina i filmati di tutti e tre i tagli descritti sopra, ma quella versione non è ufficialmente sanzionata da nessuno coinvolto nella realizzazione Alba dei morti.

Quale versione di Dawn of the Dead è la migliore?

Mentre la risposta a quale versione di Alba dei morti è la cosa migliore è in gran parte soggettiva, alla fine si riduce alle preferenze personali. In termini di horror diretto, la versione europea di Argento è la migliore, in quanto rinuncia a molti degli aspetti più comici e satirici del film. Il taglio teatrale è la più equilibrata delle tre versioni ufficiali, con un mix uniforme di horror, azione e satira a turno. Per quanto riguarda l’esplorazione Alba dei mortidei temi, il taglio esteso è superiore, con le aggiunte più importanti che sono le prime scene che prefigurano delicatamente Alba dei morti‘s ending e una sequenza aggiunta che mostra i personaggi che tentano di rilassarsi in vari modi nel centro commerciale dando loro un po’ più di profondità.

Sebbene la preferenza dello spettatore alla fine influenzi la decisione su quale Alba dei morti il taglio è il migliore, ognuno ha aspetti positivi e negativi. Indipendentemente dall’esito del dibattito su quale versione sia la migliore, il fatto che esistano così tanti tagli del film lascia ai fan l’imbarazzo della scelta. E che si tratti di Theatrical Cut, Extended Cut o European Cut, Alba dei mortil’eredità duratura del film è una testimonianza della qualità complessiva del film.